Steinberg ha annunciato nella giornata di ieri la disponibilità della release 8 della sua DAW nella versione Pro e Artist.

LEGGI ANCHE: Aggiorna da Cubase 7 a sole 50€ con il Grace Period

La nuova line-up di Cubase prometto un sensibile aumento di prestazioni grazie ad un motore audio rinnovato ed estendendo il buffer ASIO ad una nuova tecnologia chiamata ASIO-GUARD 2 che migliora le prestazioni di elaborazione audio, con un occhio particolare alle “Instrument Track” adesso molto più potenti. Tutto questo grazie ad una gestione dinamica delle risorse che vengono impegnate solo quando è strettamente necessario (una logica già introdotta per i VST3).

In termini di funzionalità le caratteristiche esclusive di Cubase Pro 8 sono i fader VCA e i cosiddetti Virgin Territories.

Il nuovo fader VCA emula il controllo “gain” del canale che si ha nei mixer fisici quando vengono assegnati più cursori ad un solo master fader. Se abbassiamo di 2db il VCA , ogni canale controllato dal medesimo VCA verrà quindi abbassato: ad esempio se mandiamo una multitrack di batteria su un VCA, nel momento in cui l’abbassiamo l’azione avrà effetto su tutte le altre mandate (cosa che nei gruppi non avviene in quanto si controlla esclusivamente il volume in uscita dei canali).
Chi lavora con i mix sa bene quanto questo strumento possa migliorare l’usabilità generale del programma. In basso un video dimostrativo:

L’altra aggiunta a Cubase 8 riguarda gli strumenti di automazione, parliamo di Virgin Territories creata per omettere eventi di automazione ridondanti: in sostanza quando viene attivata la funzione e  vi sono due eventi automatizzati distanti tra loro, lo spazio in mezzo non viene scritto restando disponibile per eventuali editing. In basso un’immagine che chiarisce meglio il concetto:

944631dbac[1]

Tra le altre funzionalità è opportuno riportare la nuova funzione MIDI Tempo Detection, utile nella composizione in quanto identifica le tracce MIDI fuori sync allineandole alla griglia e con la Tempo Track. In sostanza la funzione ricostruisce una “tempo map” sulle nostre performance MIDI.

Da segnalare anche l’introduzione dei Chord Pads che fungono da espansione alla Chord Track che troviamo in Cubase 7. Come per la Chord Track, sono questi strumenti utili in fase di composizione in quanto ci permettono di assegnare accordi ad ogni pad. Sempre in tema di assistenza alla composizione sono stati introdotti i Chord Assistant Modes che dovrebbero suggerire gli accordi più adatti in base ad uno di riferimento.

Nell’arranger è stato introdotta una nuova funzione chiamata Render in-place che farà sicuramente felici tutti quelli che lavorano molto col MIDI, è infatti possibile effettuare il rendering di singole parti MIDI in maniera più veloce e pratica creando delle tracce AUDIO al volo da poter sostituire automaticamente ad ogni nuova richiesta di rendering. E’ anche possibile specificare se il rendering deve essere effettuato “secco” oppure con eventuali effetti applicati al canale. In basso un video esplicativo:

In relazione all’interfaccia l’Instrument Rack e la Media Bay possono adesso essere fissate alla destra dell’Arrange, in questo modo non sarà più necessario saltare tra più finestre. Anche Track List ed Inspector sono state ridisegnate per una maggiore leggibilità mentre il nuovissimo Plugin Manager si presenta più ordinato con priorità agli strumenti più usati.

Un’altra interessante funzionalità “visiva” è quella introdotta dai Wave Meters. Adesso è possibile avere immediatamente sott’occhio le forme d’onda delle tracce audio direttamente sul loro rispettivo canale nel mixer; in basso l’immagine della funzione:

Cubase%208%20Wave_Meters[1]

Nella channel strip sono stati invece implementati controlli di slope a 6,12,24, 36 o 48fb sui filtri Hi e Low-cut, inoltre muovendo il puntatore sulla curva dell’EQ, vengono mostrati frequenza e relativo pitch. Nel channel strip è stato anche implementato un de-esser.

Aggiunti quattro nuovi plugins: Quadrafuzz v2, Multiband Expander, Multiband Envelope shaper, VST bass Amp mentre Groove Agent 4SE dispone adesso di Acoustic Agent.

Cubase Pro 8 costerà 549 € IVA inclusa mentre l’upgrade dalla versione 7.5 ha un costo di 100€ con la solita facilitazione del Grace Period che permette di ottenere gratuitamente la licenza per coloro che hanno acquistato Cubase 7.5 dopo il 15 Ottobre di quest’anno.

Cubase Artist 8 costerà invece 299€.

Chi aggiorna da versioni precedenti potrà da subito avere la sua copia mentre chi desidera comprare la copia FULL dovrà attendere l’8 Dicembre per le spedizioni.